La stampa nazionale italiana 1828 – 1860

80,00

Piero Cironi 1862

1 disponibili

COD: 875 Categoria:

Descrizione

 Cironi Piero
La stampa nazionale italiana 1828-1860
Prato, Tipografia F. Alberghetti e C., 1862
In 8°(15, 5 x 23) ; pagine 76. Brossura editoriale Qualche intervento professionale alla brossura al fine di attenuare la brunitura dei margini, per il resto è ottima copia.

Piero Cironi

(1819 – 1862)

Figlio di una ricca famiglia terriera, fu rivoluzionario e democratico,  intimo amico di Mazzini e probabilmente massone. Si laureò in scienze matematiche all’Università di Pisa dove entrò in contatto con gli ambienti rivoluzionari patriottici.
Tornato a Prato,  si dedicò all’attivismo militante, tramite articoli giornalistici e fondando associazioni spesso segrete
Si oppose agli ideali dei cattolici ispirati dal Primato di Gioberti e fu imprigionato per un anno a Piombino. Liberato, si rifugiò a Genova e in svizzera. Nel 1859 fu direttore a Firenze de “L’Unità Italiana”, che appoggiò l’impresa dei Mille. Creò, insieme a Mazzoni e Dolfi, la Fratellanza Artigiana, basata su principi di solidarietà che anticiperanno il movimento operaio..
 La stampa nazionale italiana 1828-1860,  è da molti considerata la prima storia del giornalismo democratico in Italia.
Morì quarantatreenne a Prato nel 1862.