Per nozze Cagiati – Podesti

40,00

Elogio di Francesco Podesti

1 disponibili

COD: 19 Categoria: Tag:

Descrizione

Cagiati Filippo
Nelle nuziali allegrezze di Clotilde Cagiati sposa a Francesco Podesti dell’italiana pittura ornamento e decoro. Al suo dilettissimo Amico Filippo Cagiati M.P.B. salute.
Senza Editore s.d.
Elegante e raro Nuptialia databile intorno alla metà dell’Ottocento, in 8°(20 x 14);  pagine 8. Trattasi del matrimonio di Clotilde Cagiati con il pittore Francesco Podesti (Ancona, 21 marzo 1800 – Roma, 10 febbraio 1895). L’opuscolo  celebra il talento del pittore che in quegli anni era già artista di successo, impegnato su commissione di Casa Savoia a dipingere il Giudizio di Salomone per il Palazzo Reale di Torino ed Enrico II che benedice le nozze di Emanuale Filiberto per la residenza sabauda di Agliè. In quesgli anni lo stesso Carlo Alberto propose a Podesti di dirigere l’Accademia di Belle Arti di Torino, ma il pittore rifiutò, temendo che l’incarico potesse in qualche modo limitare la propria libertà di artista.  Considerato uno dei maggiori pittori della prima metà dell’Ottocento, come testimonia lo stesso Mazzini. Fu esponente del romanticismo storico ed è oggi particolarmente noto per gli affreschi della sala dell’Immacolata, nei palazzi vaticani. Ultimo esponente della pittura di storia, tra accademismo e romanticismo, raggiunse notorietà europea, espose a Londra e a Parigi e ottenne fama e gloria proprio quando stavano sorgendo le nuove correnti artistiche delle avanguardie. La sua grande notorietà declinò infatti subito dopo la morte, a causa della diffusione di una concezione dell’arte completamente diversa da quella che egli stesso rappresentava. Attualmente, uno sguardo più distaccato nei confronti dell’arte ottocentesca ha permesso di riscoprire il suo valore universale come artista. Ottima copia minimi segni del tempo.
L’autore dell’opuscolo, Filippo Cagiati, fu uno dei poeti della “Scuola Romana”.