Canzone di Tommaso Sgricci

35,00

Arezzo, 1826

1 disponibili

COD: 301 Categoria: Tag: ,

Descrizione

Sgricci Tommaso, Aretino
Canzone di Tommaso Sgricci aretino al barone Gerardo. Primo pittore di sua maesta cristianissima il re di Francia Firenze 
per Vincenzo Batelli e Comp., 1826
Opuscolo in 16°(18 x 13); pagine X. Brossura editoriale con autore, titolo entro cornice tipografica in copertina, inconsueto ex-libris al frontespizio “Belisario Simonelli”.
Tommaso Sgricci fu artista conosciuto ed apprezzato e talentuoso per l’improvvisazione poetica, sotto la protezione del Granduca di Toscana poté mostrare abbastanza apertamente la sua omosessualità diventando una specie di eroe nazionale, al prezzo però di diventare oggetto di burle e prese in giro, a cui poteva anche rispondere senza temere conseguenze serie, in ogni le autotità di polizia dell’epoca ne monitoravano le attività, sorvegliandolo quotidianamente. Copia con una leggera macchia di umidità alle pagine interne rimane copia più che discreta.